Evitare di modificare accidentalmente i nostri documenti

Pubblicato da Paolo Leonardi in: Office, protezione dati

Immagina di aprire un documento Word, come una relazione di lavoro, di aggiungere un paio di linee di testo, cancellare un paragrafo e salvare il documento
con il suo nome originale.
La prossima volta che aprirai lo stesso documento per continuare a modificarlo, ti accorgerai di aver cancellato un paragrafo importantissimo che non potrai
più recuperare.
Ti sei trovato in questa situazione qualche volta? Se si, hai bisogno di DocShield per proteggere i tuoi documenti dalle modifiche accidentali. DocShield
lavora tenendo sotto controllo una serie di documenti che gli abbiamo indicato.

Se viene effettuata una modifica ad uno dei documenti, DocShield automaticamente crea e salva una copia del documento. Questo processo continua per tutta
la durata delle modifiche: in questo modo puoi ripristinare in un attimo la versione precedente di un file senza troppi problemi.

Come scaricare ed installare DocShield

Collegati sul
sito Internet di DocShield
e fai click sulla voce Download nel menu. Nella pagina Web che si apre, fai invece click sul pulsante Download Now per scaricare il programma. Al termine
dello scaricamento, fai doppio click sul file di installazione.
Ottenuto il file segui la procedura guidata con “next” e “I agree” e “close” infine.
A questo punto devi avviare il programma da start, tutti i programmi, docshield.

La prima cosa che ci verrà chiesta sarà la destinazione dei file modificati, ovvero: premiamo “si” per scegliere in quale cartella salvare tutti i file modificati e poi il pulsante “browse” per andare nell’esplora risorse alla ricerca della cartella che più preferiamo.
Scelta la cartella,a diamo ok e salviamo con “save”

Nella scheda delle opzioni del programma, potremo scegliere di avviare il software all’avvio di windows direttamente dalla system tray e settare alcuni parametri come la frequenza del salvataggio automatico, che per default è effettuato ogni 5 minuti.

Ma come scegliere il file da far salvaguardare da docshield?

Nella finestra principale clicchiamo il pulsante “add single” e scegliamo con il classico “browse” il file da monitorare e clicchiamo “save”.

Come ripristinare la versione precedente di un file

Per ripristinare la versione precedente, nella schermata principale fai un click destro sul nome del file (tasto applicazioni per i non vedenti) e clicca su “view”.
Ora potrai scegliere quale versione precedente ripristinare (se ne hai più di una, premi il pulsante “open” per visualizzarla e scegliere quale ripristinare).
Scelto quale ripristinare? Bene, non ti resta che salvare con “save as” e scegliere la destinazione del file.

Articolo originale di Salvatore Aranzulla

Condividi su:
Se il blog ti piace diventa nostro fan su Facebook risolvi i tuoi problemi con il computer sul forum Ricevi gli articoli via email

Autore

Paolo Leonardi è un giovane geek e blogger non vedente, appassionato di accessibilità ed usabilità del web, SEO, IT security e informatica e tecnologia in generale. È pianista diplomato in conservatorio e studente del 5° anno di giurisprudenza. Puoi aggiungerlo al tuo network professionale su LinkedIn o come amico su facebook o seguirlo su twitter

Tag: , ,

Leggi anche:

3 Risposte a “Evitare di modificare accidentalmente i nostri documenti”

  1. Evitare di modificare accidentalmente i nostri documenti scrive:

    [...] Original post by Leonardi Paolo [...]

  2. marcello scrive:

    ho un problema: sto cercando di recuperare dei file originali, che però li ho cancellati (anche dal cestino), mentre mi trovo solo il collegamento del file.
    grazie

  3. Paolo Leonardi scrive:

    @ marcello:
    intanto benvenuto su manualissimo.it!
    Allora, non è molto chiaro: che tipo di file? File word? Se sì, hai provato già con docshield?
    Se si tratta di recuperare file eliminati dal cestino, c’è un articolo apposito nella sezione “recupero dati”; oppure, si tratta di un file word che hai chiuso senza salvare? Insomma, dacci informazioni in più, così sarà più semplice darti una mano.
    A presto!
    Paolo Leonardi

Rispondi