Strumenti di Photoshop: introduzione e premesse

Pubblicato da Giulio G. Pedaci in: Photoshop

Ciao a tutti, proseguiamo la nostra esplorazione di Photoshop, questa volta però, entrando un po’ più nel merito. Photoshop è sicuramente un programma che potrebbe mettere in soggezione chi, essendo agli inizi, lo avvia e si scontra subito con icone di strumenti, pannelli di controllo per tutte le salse, menu contestuali e non, filtri e quant’altro. Per non parlare del messaggio che appare allorché abbiamo la malaugurata idea di aprire una foto: “Il documento Tal dei Tali non ha alcun profilo incorporato. Cosa intendete fare?”. Oddio … e adesso che faccio? Assegno il profilo? Converto in profilo? Mi metto di profilo? Basta, mi metto di tre quarti e premo invio!Onde evitare contorsionismi antiestetici, mettiamoci tutti tranquilli e cerchiamo di partire dagli inizi. Innanzitutto parliamo di quella che normalmente viene definita “interfaccia grafica” del programma. Prima di iniziare è buona norma personalizzare l’interfaccia grafica a seconda delle nostre esigenze. Mi spiego meglio. Photoshop ci dà la possibilità di essere configurato in molte maniere, proprio perché è un programma flessibile, adattabile e questo, che è un vantaggio, viene vissuto, il più delle volte, come un svantaggio.
Partiamo dal presupposto che il bicchiere è mezzo pieno e apriamo quindi le nostre preferenze generali. Ci troviamo di fronte una finestra con, alla sinistra, delle diciture (Generali, Interfaccia, Gestione file, etc.) e al centro, i relativi comandi di settaggio di ogni sezione. Come vedremo in un prossimo articolo, che integrerò con un video tutorial, molte di queste opzioni andranno lasciate di default. Altre le andremo a modificare a seconda di specifiche esigenze o perché la visualizzazione di alcuni strumenti ci piacerà di più rispetto alle contestualizzazioni da “fabbrica”. Fatte le nostre scelte, rivolgeremo lo sguardo al pannello degli strumenti. Anche qui integrerò la spiegazione testuale con un video tutorial, dove farò vedere, strumento per strumento, le possibilità fornite da quegli ingegneri pazzi di Adobe che tanto si sono divertiti a creare di tutto e di più per ribaltare una foto come mai avremmo potuto immaginare.
Bene, direi che adesso forse è il caso di bere il vostro bicchiere mezzo pieno per avere le mani libere sulla tastiera, pronti a cliccare sul prossimo post che inserirò con i video tutorial di cui sopra. Vi lascio, quindi, con un pochino di suspance, ma felicemente consapevole che non morirete di sete nell’attesa (in realtà il bicchiere era mezzo vuoto … tra un po’ avrete sete ;) )
A presto. Giulio

Condividi su:
Se il blog ti piace diventa nostro fan su Facebook risolvi i tuoi problemi con il computer sul forum Ricevi gli articoli via email

Autore

Giulio G. Pedaci Giulio Giuseppe Pedaci è specializzato nella post-produzione fotografica, lavoro che svolge da circa 20 anni. Mette a disposizione la sua esperienza anche tramite videotutorial sul suo blog (http://www.ritoccando.com/blog) e nel suo canale YouTube (http://www.youtube.com/user/Ritoccando)

Leggi anche:

Rispondi